Venduti i bagni Franco Mare in Versilia e il Grand Hotel et Des Palmes a Palermo

Entrambi gli asset sono stati ceduti da gestori di NPL. Lo stabilimento balneare è stato acquistato da Leonardo Maria Del Vecchio, mentre l'hotel da Aeroviaggi Spa

0
183

Due grossi asset del settore turistico passano di mano a pochi mesi dall’arrivo della bella stagione. A cederli sono due gestori di crediti deteriorati. Da un lato c’è Davis & Morgan, che ha venduto a Leonardo Maria Del Vecchio lo storico lido Franco Mare di Marina di Pietrasanta, a pochi passi da Forte dei Marmi. Dall’altro Aeroviaggi Spa, una delle principali società italiane nel settore hospitality, che ha siglato un accordo con il fondo di investimento Algebris NPL Partnership II per l’acquisizione del Grand Hotel et Des Palmes a Palermo.

Il lido Franco Mare, stella della Versilia, ceduto per 4 milioni

Leonardo Maria Del Vecchio, il manager erede del gruppo Luxottica, già attivo nel settore dei ristoranti nel quartiere di Brera a Milano, ha ora esteso i suoi interessi al business degli stabilimenti balneari, acquistando il lido in Versilia dalla società specializzata nell’acquisto di crediti deteriorati. A riferire dell’acquisto è il Corriere della Sera, secondo il quale l’investimento, realizzato tramite la holding Triple Sea Food, ammonterebbe a circa 4 milioni di euro. Sulla spiaggia si attende la creazione del quarto ristorante del gruppo, Vesta, mentre un quinto è previsto per la Baia di Paraggi a Portofino.

Il lido Franco Mare, gestito in passato dai fratelli Stefanini, è stato oggetto di investimenti significativi, compresa la trasformazione del suo ristorante, che ha conquistato una stella Michelin. Tuttavia, dopo il duro colpo inflitto dalla pandemia, Davis & Morgan, guidata da Andrea Bertoni, ha agito intervenendo per rilanciare l’attività anziché metterla all’asta. La società ha acquisito il credito ipotecario e investito in un nuovo piano industriale, ora coronato dal trasferimento della proprietà a Del Vecchio. I proventi della vendita saranno reinvestiti da Davis & Morgan nell’ambito immobiliare, incluso il rilancio dell’hotel L’O di Como. Triple Sea Food, controllata dal fondo LMDV Capital di uno dei figli di Del Vecchio, ha anche investito in altre aziende come Ima a Bologna e nel settore delle bevande a basso contenuto alcolico insieme al cantante Fedez e al rapper Lazza.

Il Grand Hotel et Des Palmes, edificio liberty di lusso

Aeroviaggi Spa ha sottoscritto invece un accordo con il fondo di investimento Algebris NPL Partnership II per l’acquisizione del Grand Hotel et Des Palmes a Palermo. L’hotel, icona dell’ospitalità palermitana, diventerà parte della catena alberghiera Mangia’s, rafforzando la presenza del gruppo nel segmento di lusso. La struttura, situata nel centro storico di Palermo, si compone di 123 camere e può ospitare fino a 250 ospiti. Si tratta di un edificio storico in stile liberty del XIX secolo, è stato completamente rinnovato grazie agli interventi del fondo Algebris NPL Partnership II. La struttura, che ha ospitato numerosi personaggi illustri nel corso degli anni, entra nel portfolio di Mangia’s già restaurata.

UniCredit ha fornito supporto finanziario per l’operazione, consolidando la partnership con Aeroviaggi. Marcello Mangia, ceo di Aeroviaggi, ha dichiarato che l’acquisizione del Grand Hotel è un primo passo nel lancio della strategia dedicata ai city hotel di lusso, con l’obiettivo di estendere questa linea anche ad altre città italiane. Si prevede che l’ingresso della struttura nel portafoglio di Mangia’s contribuirà a una crescita del fatturato del gruppo del 12%, già a partire dal 2025.

Per favorire lo sviluppo della linea di city hotel di lusso, Mangia’s prevede di stringere partnership con brand internazionali nel settore dell’ospitalità. Queste collaborazioni potrebbero contribuire a posizionare l’hotel sul mercato internazionale, sfruttando l’attrattiva di Palermo e della Sicilia per una clientela di alto livello.