Procedure fallimentari in aumento. I dati dell’Osservatorio Abilio: è la prima volta dal 2016

In tutto 7700 fallimenti nel corso dell’anno 2023. L’incremento è del 9% rispetto al 2022

0
51

Per la prima volta dal 2016 le procedure fallimentari giudiziarie evidenziano un incremento. A sottolinearlo è l’Osservatorio Abilio, che fa riferimento alle stime rilasciate dal ministero della Giustizia per il quarto trimestre dello scorso anno. La società del gruppo illimity ha realizzato il proprio studio in collaborazione con Immobiliare.it, analizzando le dinamiche delle vendite giudiziarie immobiliari in Italia, avviate nell’ambito di procedure esecutive e concorsuali dal 1° gennaio 2019 al 31 dicembre 2023.

In base al report le procedure fallimentari dichiarate nel 2023 sono 7700, circa il 9% in più rispetto al 2022: si tratta di un’inversione di tendenza del mercato che potrebbe dar luogo ad una progressiva crescita del numero delle procedure concorsuali dichiarate con un conseguente impatto futuro sul mercato delle vendite giudiziarie.

Vendite in calo, ma sempre più digitali

In calo del 20% gli esperimenti di vendita giudiziaria, scesi da 191mila del 2022 a 154mila. Nel 2023 inoltre, circa 100 mila immobili singoli erano disponibili per la vendita, per un controvalore di 13,6 miliardi di euro, in calo del 20% rispetto al 2022. Il valore unitario medio degli immobili è invece rimasto stabile, attestandosi intorno ai 140 mila euro. Le vendite giudiziarie diventano sempre più digitali: l’81% delle aste si è svolto infatti in modalità telematica, quasi il doppio rispetto al 44% del 2019.

Secondo l’Osservatorio di Abilio il calo delle vendite dimostra come “nel 2021 e nel 2022 il rimbalzo verso l’alto delle vendite post-Covid si sia già esaurito per tornare ad una progressione storica naturale di medio periodo”. Il corrispondente volume di base d’asta è stato pari a 24 miliardi nel 2023, in flessione rispetto ai 31 miliardi del 2022.

Renato Ciccarelli, amministratore delegato di Abilio

 “I dati indicano – commenta Renato Ciccarelli, amministratore delegato di Abilio –  una progressiva ripresa del mercato delle vendite giudiziarie. Anche per questo motivo, è auspicabile l’adozione di best practice di settore a livello nazionale, affiancata da una crescente digitalizzazione, al fine di migliorare l’efficienza e ridurre i tempi delle vendite con il supporto di soggetti specializzati”.