Reclami verso i gestori di NPL: l’Eba avvia una consultazione sulle nuove linee guida

Resterà aperta fino al 9 febbraio e i contributi ricevuti saranno pubblicati al termine. Si punta ad applicare a chi si occupa di NPL gli stessi requisiti previsti per la gestione dei reclami nel settore bancario, finanziario e assicurativo

0
115

L’Autorità bancaria europea (Eba) ha elaborato nuove linee guida per il trattamento dei reclami da parte dei gestori di NPL, in base a quanto previsto dalla Direttiva 2021/2167 sui gestori di crediti (CSD). Il testo è ora aperto ad una consultazione pubblica a cui si può partecipare fino al 9 febbraio 2024 cliccando su “invia i tuoi commenti”.

I contributi ricevuti saranno pubblicati al termine della consultazione. Inoltre l’Eba terrà un’audizione pubblica virtuale sul documento di consultazione l’11 gennaio prossimo, dalle 14 alle 15:30 (accessibile previa registrazione entro il 9 gennaio).

Le nuove linee guida

Nel testo delle nuove linee guida si suggerisce di applicare ai gestori di NPL gli orientamenti del comitato congiunto sulla gestione dei reclami, sviluppati dalle tre Autorità europee di vigilanza (AEV) che già si applicano dal 2014 nei settori bancario, degli investimenti e assicurativo.

 Tali requisiti includono la politica e la funzione di gestione dei reclami, la registrazione, la rendicontazione, il follow-up interno, la fornitura di informazioni e le procedure per rispondere. Vengono specificati i requisiti che i gestori di NPL dovrebbero rispettare per dar vita a procedure efficaci e trasparenti per gestire i reclami dei mutuatari.

L’obiettivo è garantire pratiche di vigilanza coerenti ed efficaci e un elevato livello di protezione dei consumatori in tutti gli Stati membri Ue nel corso del recepimento della direttiva CSD.

La Direttiva NPL

La Direttiva 2021/2167 sui gestori e sugli acquirenti di crediti, denominata anche “Direttiva NPL” è stata pubblicata l’8 dicembre 2021 e gli Stati membri Ue sono tenuti a adottare e pubblicare i provvedimenti nazionali di recepimento entro il 29 dicembre 2023.

L’articolo 24, paragrafo 1, della Direttiva prevede: “Gli Stati membri assicurano che i gestori di crediti istituiscano e mantengano procedure trasparenti per la gestione dei reclami dei mutuatari”.

Fonte: ufficio stampa Eba