Fire acquista un portafoglio di crediti secured UTP e bad loans per 19,5 milioni di euro

La società ha creato un veicolo di cartolarizzazione dedicato all’acquisto di crediti retail UTP e bad loans, con target di investimento di 100 milioni di euro in tre anni

0
95
Sergio Bommarito, group chairman & ceo gruppo Fire

Il gruppo Fire ha creato un veicolo di cartolarizzazione dedicato all’acquisto di crediti retail classificati UTP (unlikely to pay) e bad loans, con target di investimento di 100 milioni di euro in tre anni.

Tramite il veicolo, denominato “Claudio SPV”, del quale Fire sarà oltre che special servicer esclusivo anche co-investitore con la quasi totalità delle note mezzanine e la maggioranza delle note junior, è stata finalizzata la prima operazione, relativa ad un portafoglio secured ceduto da un primario istituto nazionale, per un valore nominale lordo (GBV) pari a 19,5 milioni di euro. Fire mira a rafforzare la propria posizione nel settore dell’acquisto dei crediti.

“Questa operazione – le parole di Sergio Bommarito, ceo del gruppo Fire – rappresenta un esempio di integrazione virtuosa fra operatori con diverse specializzazioni che intendono cooperare a favore del sistema bancario e dei clienti finali. Portiamo a compimento al contempo un ulteriore acquisto di NPE, area determinante nella nostra pianificazione di crescita”.

Fonte: ufficio stampa Gruppo Fire