Giovani e finanza d’impresa: Banca Finint e Università Ca’ Foscari insieme per creare nuovi percorsi formativi

Stipulato un accordo che mira a sviluppare master e corsi specialistici, stage post laurea, progetti di student housing e collaborazioni di ricerca

0
32

Banca Finint e l’Università Ca’ Foscari di Venezia hanno siglato una partnership triennale per creare nuove opportunità di formazione nell’ambito della finanza strutturata, promuovere l’incontro tra giovani e mercato del lavoro e favorire occasioni concrete di inserimento nel contesto lavorativo. Obiettivo: creare nel Nord Est un’alleanza strategica sui temi della finanza. Sarà un’opportunità per dar vita a progetti condivisi in cui ricerca, innovazione e formazione lavorano insieme per favorire lo sviluppo del contesto economico territoriale grazie ad uno scambio che crea un collegamento tra istruzione, ricerca applicata e mondo del lavoro. L’accordo è stato sottoscritto dall’amministratore delegato del Gruppo Banca Finint, Fabio Innocenzi, e dalla rettrice dell’Università Ca’ Foscari Venezia, Tiziana Lippiello.

L’accordo punta, innanzitutto, a sviluppare percorsi formativi nell’ambito della finanza d’impresa mettendo a fattor comune da un lato, le competenze di docenti e studenti dei corsi di economia e finanza di Ca’ Foscari e dall’altro, la grande expertise dei professionisti del gruppo Banca Finint. Nel triennio potranno quindi essere progettati congiuntamente master e corsi specialistici. La partnership, inoltre, si focalizzerà anche sull’aspetto dell’occupazione favorendo il passaggio dall’università al mondo del lavoro attraverso l’attivazione di stage post-laurea e tirocini curriculari presso il gruppo Banca Finint, rivolti a laureati o laureandi di Ca’ Foscari. Inoltre, i professionisti del gruppo Banca Finint saranno coinvolti, in qualità di esperti, nei corsi curricolari per portare la loro testimonianza aziendale e permettere agli studenti di acquisire una conoscenza diretta di ambiti specialistici della finanza strutturata tipici di una banca d’affari.

La collaborazione potrà successivamente svilupparsi anche su altri fronti; in particolare, l’implementazione di progetti legati ai bandi PNRR destinati allo sviluppo di ricerca per e con le imprese, oltre alla valutazione di sinergie per progetti di student housing, un asset strategico per l’Ateneo per competere in ambito nazionale e internazionale e su cui il gruppo Finint vanta una grande expertise. Altre attività riguarderanno la collaborazione nell’ambito della ricerca dottorale, strumento per lo sviluppo di competenze di alto profilo destinate a sostenere processi di innovazione delle imprese e in generale del sistema produttivo. A questo si aggiungeranno collaborazioni nell’ambito di attività di ricerca e trasferimento di conoscenza per favorire l’incontro tra accademia ed impresa, valorizzando i risultati della ricerca e le interazioni tra i ricercatori e gli stakeholder esterni in un’ottica di crescita economica e sociale per il territorio.

Il Nord Est ha bisogno di giovani e di finanza per guardare al futuro – spiega Enrico Marchi, presidente del gruppo Banca Fininit – ed essere pronto alle sfide dell’economia della conoscenza. Consolidare il legame tra istruzione, ricerca, finanza e impresa è una delle direttrici del nostro impegno: desideriamo lavorare insieme all’Università per creare un hub delle competenze”.

Fonte: ufficio stampa Banca Finint