India: banche molto più solide. Le difficoltà con gli NPL sono alle spalle

Secondo la società di ricerca CLSA la situazione attuale è la migliore dell'ultimo decennio

0
47
Un edificio di Nuova Delhi, la capitale dell'India

Le banche indiane sono molto più forti, con bilanci solidi, NPL bassi e profitti più elevati. Sembrano cioè essersi lasciate alle spalle le difficoltà legate ai crediti inesigibili. Lo riferisce CLSA (Credit Lyonnais Securities Asia) tra le principali società asiatiche di brokeraggio e ricerca che fornisce servizi di investimento e analisi finanziaria. “Crediamo che le banche indiane siano ben posizionate dopo un decennio sulle montagne russe. I profitti hanno registrato una forte ripresa e sono quadruplicati in 10 anni”.

Gli NPL netti sono scesi ai minimi del decennio, spinti da una migliore qualità degli asset, da riserve di accantonamento più forti e da una migliore posizione patrimoniale. La crescita dei prestiti è aumentata da una media decennale del 10% al 15% negli ultimi due anni. Per un lungo periodo di tempo, la crescita dei prestiti e quella dei depositi sono state sincronizzate. Anche la qualità del credito alle imprese è migliorata negli ultimi 5-7 anni, ha sottolineato l’azienda. Il rendimento del capitale proprio (ROE) del settore bancario indiano è il più alto dall’anno finanziario 2011.