Larry Summers vince la seconda edizione del Premio Bancor, di Banca Ifis e Associazione Guido Carli

Il riconoscimento celebra personalità di rilevanza internazionale che si sono distinte nel campo dell’economia e del giornalismo economico-finanziario. Dal prossimo anno si amplia con un altro premio a figure di spicco del giornalismo

0
76
Da sinistra verso destra: Ignazio Visco, Federico Carli, Mervyn King e Ernesto Furstenberg Fassio

Premiare le personalità eccellenti nel mondo economico-finanziario riconoscendo competenza, integrità e trasparenza: è l’obiettivo del Premio Bancor, istituito nel 2022 dall’Associazione Guido Carli con il patrocinio di Banca Ifis. Un riconoscimento che è stato conferito a Larry Summers – già segretario del Tesoro Usa durante l’amministrazione Clinton, direttore del National Economic Committee con Obama e rettore di Harvard – che si è svolto a Roma. Alla premiazione sono intervenuti Federico Carli, presidente dell’Associazione Guido Carli ed Ernesto Fürstenberg Fassio, presidente di Banca Ifis, alla presenza di Ignazio Visco, governatore della Banca d’Italia, Paolo Savona, presidente della Consob, e Pietro Cipollone, membro del board Bce.

“Il Premio Bancor giunge al suo secondo anno e si consolida” spiega Ernesto Fürstenberg Fassio, presidente di Banca Ifis. “Creato per contribuire a mantenere aperto il nostro Paese al dibattito economico internazionale e per promuovere il dialogo fra opinioni diverse, Bancor si richiama a un esperimento tra il governatore Guido Carli e un grande giornalista, Eugenio Scalfari, che crearono – sotto questa sigla – un’esperienza di confronto fra poteri e opinioni diverse, sulle colonne del settimanale L’Espresso”

“Dall’anno prossimo, Bancor si amplia con un altro riconoscimento dedicato a figure di spicco del giornalismo internazionale, distintesi per il loro contributo al dibattito pubblico. Una giuria autorevole e prestigiosa di giornalisti – aggiunge – si affiancherà a quella attuale. A Federico Carli, nipote di Carli, si affiancherà Donata Scalfari, giornalista e figlia di Eugenio Scalfari – nella tradizione che abbiamo scelto di una continuità familiare come testimonianza della continuità dei valori. Desidero ringraziare Banca d’Italia e Consob, nelle persone del governatore Visco e del presidente Savona, per la vicinanza mostrata a questo Premio, fin dalla prima edizione”.

A partire dal 2024, dunque, verrà assegnato il nuovo riconoscimento che ha l’obiettivo di premiare i valori della competenza, integrità e trasparenza anche in ambito giornalistico e che verrà assegnato da una giuria composta dalle più autorevoli firme del panorama giornalistico italiano.

Il Premio Bancor

Il Premio Bancor si ispira – nel nome e nei valori – al termine “Bancor” utilizzato nel 1944 dall’economista John Maynard Keynes, in occasione degli accordi di Bretton Woods, quando i principali Paesi del mondo si preparavano a chiudere la drammatica vicenda della guerra, provando a disegnare un assetto nuovo di relazioni internazionali che evitasse il ripetersi degli orrori che avevano caratterizzato la prima metà degli anni Quaranta del ‘900. Bancor era la soluzione proposta dall’economista: una valuta sovranazionale governata dalla razionalità degli uomini per sottrarre le prospettive di sviluppo dell’intera comunità delle Nazioni all’arbitrio di una sola potenza egemone.

La proposta rimase un’utopia valutaria. Il termine Bancor non venne mai più utilizzato fino al 30 maggio 1971 quando comparve per la prima volta sull’Espresso come firma enigmatica. Uno pseudonimo che, in poco tempo, si trasformò in un successo editoriale. Gli interventi di Bancor furono attesi da economisti, politici e banchieri con crescente interesse, riportati dalla stampa estera, commentati all’università, dibattuti nel corso di alti consessi monetari internazionali e perfino oggetto di interrogazioni parlamentari.

L’articolo d’esordio si intitolava “Tempesta in arrivo”. Oggetto dell’analisi era proprio l’ordine monetario internazionale da cui il misterioso autore aveva tratto ispirazione per nascondere la sua identità. Bancor espresse giudizi, valutazioni e previsioni sulla crisi che stava attraversando il gold exchange standard che gli assicurarono una meritata fama: meno di tre mesi dopo, infatti, Nixon dichiarò l’inconvertibilità del dollaro in oro e il sistema sancito 27 anni prima a Bretton Woods si sgretolò.

Parecchi anni dopo l’ultimo intervento di Bancor, si scoprì che gli autori degli articoli erano Guido Carli ed Eugenio Scalfari. Ritrovando negli archivi la raccolta degli articoli di Bancor, nasce da parte di Federico Carli, presidente dell’Associazione Guido Carli, l’idea di istituire il Premio Bancor, per recuperare lo spirito che sta dietro una parola tanto ricca di suggestioni. Sulla scia segnata da Bancor, l’intento del Premio è quello di dare vita ad una riflessione sui problemi che stiamo attraversando, dalla quale possa ricavarsi una bussola utile per tracciare una rotta che conduca fuori del labirinto: ogni epoca presenta le proprie difficoltà, ma la storia insegna che, confidando nella razionalità e nell’ingegno dell’uomo, è sempre possibile trovare la strada per superare gli ostacoli.

Fonte: ufficio stampa Banca Ifis