Spagna, tasso di insolvenza del credito al consumo ai massimi dal 2016

Il rapporto NPL è salito al 7,18%, il livello più alto dal maggio di otto anni fa

0
51

Le banche spagnole sono in allerta per un incremento delle insolvenze nel credito al consumo, che ha superato di nuovo il 7% raggiungendo il livello più alto degli ultimi otto anni. Lo rilevano gli ultimi dati della Banca di Spagna sui crediti deteriorati degli enti finanziari di credito (EFC), fino ad aprile. Si tratta di istituzioni specializzate nel credito al consumo. Potrebbe essere un primo segnale di avvertimento di un possibile peggioramento del patrimonio di prestiti nei bilanci delle banche.

A partire dalla pandemia, l’insolvenza negli enti finanziari di credito è aumentata anche se ora questi stanno vendendo i portafogli dubbi a fondi che acquistano prestiti non pagati con un sconto che può superare il 90%. Diverse banche e società finanziarie si stanno preparando a vendere portafogli di crediti inesigibili entro agosto. Le ultime statistiche indicano un ulteriore aumento dei crediti al consumo non performanti a 3.060 milioni, rispetto ai 2.852 milioni dello stesso mese dell’anno scorso. C’è stato un incremento annuo del 7,3%, e il rapporto NPL è salito al 7,18%, il livello più alto dal maggio 2016.

In diverse occasioni negli ultimi quattro anni, i NPL hanno toccato il 7%, ma sono stati sempre poi ridotti grazie al drenaggio dei prestiti. In questa occasione, l’aumento dei NPL è spiegato sia dal rimbalzo dei prestiti dubbi che dalla diminuzione del volume totale del credito in corso degli SCI, che agisce come denominatore e che è diminuito di 1.111 milioni tra marzo e aprile, a 42.638 milioni.

La Banca di Spagna ha registrato questo ulteriore deterioramento della qualità del credito al consumo. C’è stato un aumento dell’8% nei prestiti sotto sorveglianza speciale nel credito al consumo. Nel bilancio complessivo delle banche, il tasso complessivo di insolvenza rimane contenuto, e ad aprile si è attestato al 3,6%, con un volume di crediti deteriorati di 42.141 milioni, rispetto a uno stock totale di credito in corso di 1,17 trilioni.