Banca Ifis investe in Treccani acquisendo una quota azionaria del 2,4%

Ernesto Fürstenberg Fassio, presidente di Banca Ifis nominato nuovo consigliere nel Cda Treccani

0
72
Ernesto Furstenberg Fassio, presidente di Banca Ifis

Banca Ifis entra nella compagine azionaria dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani Spa, acquistando una quota di partecipazione del 2,4%, nell’ambito dell’aumento di capitale deliberato dalla società. Il Consiglio di Amministrazione Treccani ha inoltre nominato Ernesto Fürstenberg Fassio, presidente di Banca Ifis Spa nuovo consigliere del Cda della società. “Per la Treccani – chiarisce Franco Gallo, presidente dell’istituto – società di diritto privato di interesse nazionale e punto di riferimento della cultura e dell’identità italiana, l’apertura a nuovi soci ha un grande valore strategico”.

“Il sostegno alla cultura e all’eccellenza italiana – afferma invece Ernesto Fürstenberg Fassio, presidente di Banca Ifis – è uno dei pilastri della nostra agenda sociale. Siamo lieti di sostenere Treccani, che da quasi un secolo rappresenta il punto di riferimento per il sapere e la cultura del nostro Paese. Ci auguriamo che il nostro impegno possa fornire un ulteriore contributo per la diffusione del patrimonio culturale, scientifico, economico e imprenditoriale italiano”.   

L’ingresso nel capitale Treccani rappresenta un ulteriore passo nel cammino di sostegno al mondo della cultura intrapreso da Banca Ifis sotto la presidenza di Ernesto Fürstenberg Fassio. Un sostegno che la Banca assicura attraverso Kaleidos, il Social Impact Lab, nato nel 2022, che ha l’obiettivo di sviluppare progetti ad elevato impatto sociale agendo su tre aree: comunità inclusive; benessere delle persone; cultura e territorio.

Banca Ifis sostiene il mondo della cultura anche attraverso partnership con le principali manifestazioni artistiche del nostro Paese: è main sponsor della Fiera internazionale di Arte moderna e contemporanea “Roma Arte in Nuvola” 2023 e del Padiglione Italia nella Biennale di Venezia 2023.

Fonte: ufficio stampa Banca Ifis