Mercato del credito secondario: 50 miliardi di euro di potenziali investimenti in Europa

Secondo un sondaggio di Debitos, condotto su 2000 investitori, l'Italia e la Germania sono due piazze che suscitano interesse. L'88% degli investitori punta sui crediti immobiliari

0
39

Gli investitori quest’anno puntano sul mercato del credito secondario in particolare in Italia, Germania e Spagna. A dirlo è un recente sondaggio di Debitos, la piattaforma per le transazioni di prestito, secondo il quale ci sarebbero circa 50 miliardi di euro di liquidità da investire nel credito secondario in tutta Europa nel corso del 2024, con l’Italia tra i mercati più gettonati. Gli immobili non performanti – secondo lo studio che ha coinvolto circa 2.000 persone intervistate a giugno – sono l’investimento creditizio più popolare tra gli investitori.

L’Italia è in testa alla classifica

Gli investimenti nei mercati secondari del debito italiano risultano essere i più allettanti: oltre 1.225 investitori, ovvero il 61% del campione, citano il mercato nostrano come obiettivo di investimento. La Germania è al secondo posto, con 815 investitori desiderosi di investire nella più grande economia europea, che riflette il 41% del campione. Al terzo posto c’è la Spagna, che ha registrato 433 preferenze, ovvero il 22% del campione totale. In totale, gli intervistati hanno espresso un desiderio di impiegare capitale in 45 paesi in tutta Europa.

“Gli investitori sono attratti dai mercati in cui il disagio ereditato è allineato con una prospettiva economica migliorata e un quadro giuridico favorevole ai creditori – secondo Timur Peters, fondatore e ceo di Debitos – ciò spiega la popolarità duratura di Italia, Germania e Spagna. Ci aspettiamo che l’attività continui a diversificarsi sia nelle regioni che nei tipi di credito nei mesi e negli anni a venire”.

Transazioni sempre più diversificate

Gli investitori stanno focalizzando l’attenzione su 21 categorie di credito, e ciò riflette l’evoluzione dei mercati del debito verso transazioni specifiche per settore. Il sondaggio Debitos Investor Intentions evidenzia che l’88% degli investitori preferisca crediti immobiliari, inclusi prestiti immobiliari non performanti e prestiti aziendali garantiti da immobili. Questo interesse è influenzato dai cambiamenti post-pandemia che hanno alterato il comportamento dei consumatori e il mercato immobiliare. Gli investitori vedono opportunità negli NPL immobiliari, acquistati a prezzi scontati.

“Il mercato del debito secondario in Europa è maturato enormemente nei 12 anni in cui Debitos è stato attivo” aggiunge Timur Peters. “Gli investitori stanno aumentando in numero e sofisticatezza, il che aiuta a sostenere la liquidità nell’intero spettro del debito secondario, dai crediti non performanti a quelli non garantiti. La propensione degli investitori a investire in una gamma così diversificata di investimenti creditizi aumenta la fiducia nella maturità del mercato del debito secondario, il che contribuirà ad accelerare l’attività nel tempo”.