Spagna: gli NPL sono cresciuti di 451 milioni dall’inizio dell’anno

Secondo i dati pubblicati dal Banco de España, il rapporto dei crediti "dubbi" a marzo è stato di sette punti base superiore rispetto al tasso osservato a dicembre e di dieci punti base superiore rispetto a marzo 2023

0
35
La sede centrale, a Madrid, del Banco de España. Foto credits@Bde

La morosità bancaria in Spagna inizia a mostrare i primi segni di deterioramento. Sebbene il tasso sia sceso a marzo al 3,61%, tornando ai livelli di gennaio grazie all’aumento del saldo totale dei prestiti, i crediti deteriorati sono aumentati di 66 milioni di euro in un mese, raggiungendo i 42,319 milioni di euro. Pertanto, il volume dei crediti “dubbi” detenuti dalle banche nei loro bilanci alla fine di marzo ha subito un aumento di 451 milioni di euro rispetto alla fine del 2023, mentre il portafoglio prestiti è cresciuto a 1.173 miliardi di euro, rispetto a 1.166 miliardi di fine gennaio.

Secondo i dati pubblicati dal Banco de España, il rapporto dei crediti “dubbi” a marzo è stato di sette punti base superiore rispetto al tasso osservato a dicembre e di dieci punti base superiore rispetto a marzo 2023. Nell’ultimo mese, il volume assoluto dei crediti deteriorati è aumentato di 66 milioni di euro rispetto a febbraio, portando il saldo totale dei crediti a 1.141 miliardi di euro, una riduzione di 4,992 miliardi di euro da inizio anno. Rispetto a febbraio, il volume del credito bancario è aumentato di 6,455 milioni di euro.

Il tasso di morosità di banche, casse di risparmio e cooperative è passato dal 3,52% di febbraio al 3,49% di marzo, il tasso più basso registrato quest’anno, dopo che il saldo dei crediti deteriorati è diminuito di 153 milioni di euro, arrivando a 39,094 milioni di euro. Nelle istituzioni finanziarie, il tasso di NPL è salito al 6,95% dal 6,59% del mese precedente. È aumentato anche rispetto al 6,48% di un anno fa.

I crediti deteriorati ammontavano a 3,04 miliardi di euro, 220 milioni in più rispetto a febbraio, con un aumento del 7,8%, e rispetto a marzo 2023 sono aumentati di 200 milioni di euro. Rispetto a un anno prima, le società di credito al consumo invece, hanno visto il tasso di morosità sui prestiti concessi salire dal 6,48% di marzo 2023 al 6,95% nello stesso mese del 2024. Gli accantonamenti per tutte le istituzioni creditizie ammontavano a 30,058 milioni di euro a marzo, un aumento di 188 milioni di euro rispetto a dicembre. Rispetto a un anno fa, gli accantonamenti sono diminuiti dell’1,5%, ovvero di 455 milioni di euro.