Gruppo BCC Iccrea: accordo con pluralità di investitori per cessione di 570 milioni di euro di inadempienze probabili e sofferenze

Impatto positivo previsto di circa 50 bps sull’NPL ratio lordo. Le posizioni sono originate da oltre 4 mila debitori riconducibili a 76 Banche del gruppo

0
104

Il Gruppo BCC Iccrea ha sottoscritto accordi vincolanti con differenti investitori per la cessione di crediti deteriorati per circa 570 milioni di euro complessivi, sostanzialmente equidistribuiti fra inadempienze probabili e sofferenze, riferibili a circa 4 mila debitori. All’operazione hanno partecipato 76 Banche appartenenti al Gruppo BCC Iccrea, tra cui 73 BCC, BCC Banca Iccrea, BCC Leasing e Banca Sviluppo.

Il processo competitivo (in linea con gli obiettivi strategici di Gruppo volti a favorire il derisking mantenendo robusti presidi patrimoniali) ha portato a definire un’operazione nella quasi totalità pro-soluto, selezionando per i differenti portafogli investitori di primaria rilevanza operanti sul mercato italiano che hanno presentato offerte in linea con le aspettative di recupero del Gruppo.

In particolare, è stato firmato un master agreement con un primario investitore per la cessione pro-soluto di un portafoglio di inadempienze probabili e sofferenze per circa 116 milioni di euro, rappresentati da operazioni di leasing immobiliari e non originati da BCC Leasing SpA. In aggiunta, il Gruppo BCC Iccrea ha accettato le offerte vincolanti presentate su singoli sub-portafogli da diversi investitori che hanno partecipato al processo competitivo, al fine di procedere alla cessione di crediti ordinari deteriorati per altri 454 milioni di euro, attribuibili soprattutto a piccole e medie imprese (prevalentemente finanziamenti rateali a medio e lungo termine, in buona parte assistiti da garanzie reali) e a famiglie (in larga parte mutui residenziali).

L’iniziativa è stata coordinata dalla capogruppo BCC Banca Iccrea che ha supportato le banche partecipanti nell’individuazione del perimetro dei crediti oggetto di cessione, gestito il processo competitivo – che ha visto il coinvolgimento dei principali investitori nazionali ed esteri operanti sul mercato italiano dei crediti non performing – e definito la complessiva struttura dell’operazione. La definitiva conclusione delle operazioni, con conseguente cancellazione dei crediti dagli attivi, è prevista fra la fine di settembre e la fine di novembre 2023. L’operazione è attesa avere un impatto positivo di circa 50 bps a livello di NPE ratio lordo e senza effetti negativi sul conto economico, a conferma dell’adeguata e prudente politica di provisioning adottata dal Gruppo.


“L’operazione appena conclusa – commenta Mauro Pastore, direttore generale gruppo BCC Iccrea – rappresenta un ulteriore passaggio strategico nel nostro percorso di derisking avviato sin dalla costituzione del nostro Gruppo e anticipa gli obiettivi pro-tempore definiti nel Piano Strategico 2023-2025, portando la rischiosità degli attivi creditizi su livelli allineati alle medie delle banche significative italiane, considerati anche le prudenti soglie di coverage”.

Fonte: ufficio stampa BCC Iccrea